google-site-verification=9sYyD51IjwAf-A3tc2hcHYRE1Tsur9BBusLdnhLrnBw

BORDERLANDS 3

In questa recensione non prenderò troppo in considerazione i problemi tecnici del gioco, anche dopo la nuova patch il gioco non gira benissimo ed il problema è che non è questione di specifiche di sistema perchè anche delle 2080ti non riescono a far girare il gioco in modo buono, mentre alcune schede da 2gb con una cpu di 5 generazione tengono i 60 fps costanti... quindi è questione di tempo prima che i dev trovino la soluzione... semplicemente tenetelo a mente

"Jesper Kyd - Katagawa Theme"

"dalla colonna sonora"

Partiamo immediatamente da una precisazione: se cercate un'esperienza nuova e fresca rispetto ai capitoli precedenti questo Borderlands 3 non farà per voi, detto in modo molto semplice Bl3 riprende in tutto e per tutto gli elementi di gameplay del secondo capitolo e li porta in questo nuovo gioco, aggiungendo un paio di nuovi particolari qui e là (una nuova modalità di fuoco secondaria per alcune armi, nuovi manufattori di armi a distanza, qualche nuova interazione quando i nemici vengono colpiti etc...), aggiornando leggermente il reparto visivo (anche se rispetto al capitolo precedente non si vede tutta questa differenza che ci si aspetterebbe dopo un periodo di 7 anni) e... basta.

"Dave, come mai non dici che anche la storia è diversa" perchè in realtà non lo è.
Siamo onesti, la storia in Borderlands non è mai stata uno dei punti a favore del gioco, persino Handsome Jack, il "cattivo" del secondo capitolo con cui la gente fa paragoni con i due nuovi nemici principali, non era poi sta gran profondità di personaggio: un uomo pazzo che vuole fare lo stronzo per il potere e per il semplice gusto di farlo, per lo meno a questo giro i nuovi nemici hanno una motivazione che ha una base (e che non posso spoilerare).

Visto che ho iniziato da loro meglio concludere il discorso sui due nuovi nemici e sulla storia in generale.
I due antagonisti gemelli che ci accompagneranno nella storia di questo Borderlands 3 si chiamano Tyreen e Troy Calypso, entrambi sono "sirene", persone nate con abilità particolari e potenti, teoricamente le sirene dovrebbero sempre essere donne, ma Troy è nato congiunto al braccio di Tyreen (ecco il perchè del braccio meccanico di Troy) ed ha "acquisito" le abilità della sorella.
Questi personaggi
ci vengono presentati come dei semi-dei che per cercare la fama ed il potere non guardano in faccia a nessuno, affrontano la vita in modo superficiale e si preoccupano solo di se stessi.

Inizialmente viene da storcere il naso per come i due fratelli vengono presentati, ma piano piano, non solo mantengono una certa coerenza di fondo durante tutto il gioco, ma in alcuni momenti (non molti a dire il vero) mostrano un altro lato del loro carattere, una cosa che secondo me li rende già più profondi di Handsome Jack (il che non è dir molto, ma comunque...).

Semplicemente la storia principale gira intorno al tentare di fermare questi due fratelli dalla conquista del dominio sull'universo, e, come negli altri Borderlands, il personaggio che controlleremo non sarà altro che un mezzo che i "buoni" utilizzeranno per tentare di raggiungere questo fine. Perchè sì, come nel capitolo precedente, anche in questo Borderlands tornano parecchi nomi noti (e si aggiunge anche qualche faccia nota) che porteranno avanti la storia al posto vostro.
Non siamo di fronte ad un capolavoro di storytelling, però onestamente
da un Borderlands non mi aspetto una storia degna di Tolkien, datemi un cattivo, datemi delle armi ed io inizierò a sparare, e credo che il ruolo del nostro personaggio rifletta proprio questo; ciò che succede nel mondo che ci circonda ci colpisce solo fino ad un certo punto, il nostro personaggio è lì per fermare Tyreen e Troy ed a questo dobbiamo pensare... nonostante tutto, però, non mancheranno dei piccoli colpi di scena che comunque non mi sono affatto dispiaciuti.

"Beh, ma se la storia ha un ruolo marginale perchè giocare?" Loot amico mio, LOOT!
Se ciò che ho scritto ad inizio recensione pareva essere una critica al gioco vi posso assicurare che non lo è,
da Borderlands 3 volevo proprio ciò che m'ha dato Borderlands 2 con un paio di aggiunte minori ed una storia diversa e questo è proprio ciò che ho avuto!


Il fine del gioco è quello di creare una macchina da guerra in grado di sciogliere i nemici in due colpi di pistola, e questo obiettivo il gioco permette di raggiungerlo con un sistema di "personalizzazione" del proprio armamentario che pochi giochi si possono permettere: una quantità pressochè infinita di armi con abilità e statistiche l'una diversa dall'altra, un sistema di leveling tipico di questa serie con punti da spendere in 3 "rami" diversi per ogni personaggio ed in cui ogni punto speso cambierà in modo drastico il vostro approccio ai combattimenti ed un sistema di "mod personaggio" con cui aggiungere punti in più alle vostre abilità in modo random (il massimo è 50 ma con queste mod potrete avere 5 punti in più) e per cambiare la vostra sinergia con armi ed abilità.
Potrebbe sembrare un processo noioso e poco divertente ma vi assicuro che
Borderlands riesce a rendere il tutto molto fluido, la storia è abbastanza lunga da portare almeno a livello 30 e le missioni secondarie potranno farvi arrivare al 50 e farvi grindare un po' i mostri in modo che droppino abbastanza armi/mod per potervi dare una base ottimale da cui partire per fare la build perfetta... e poi è divertente vedere esplodere i nemici in una pioggia di armi che potrete usare a vostra volta! 
Inoltre il gioco è pieno di riferimenti alla "pop culture": missioni secondarie in cui dovrete aiutare Tommy Wiseau, riferimenti a Rick e Morty, One Punch Man e simili! Qualcuno ha detto "dank meymeys"!? Sarà un modo un po' stupido di inserire "easter eggs" ma ho apprezzato lo sforzo e nonostante tutto... e fatevele due risate!!


Storia e missioni secondarie richiederanno circa 30-40 ore per essere completate nel primo playthrough, che onestamente è un ottima durata, se poi considerate che in endgame il gioco sblocca due modalità (Mayhem e True Vault Hunter) che renderanno il gioco più tosto in cambio di loot migliore e che rifare la storia con una build diversa o con un altro personaggio ne cambierà completamente la giocabilità vi assicuro che per quanto riguarda prezzo/durata questo gioco è più che ottimo.

Ed a proposito dei personaggio che giocherete, non sono d'accordo con coloro che dicono che nei precedenti Borderlands ci fossero personaggi migliori, credo che questi nuovi pg riescano a dare una boccata d'aria fresca mantenendo comunque una certa coerenza con lo stile di gioco.
La critica più grossa è stata fatta ad Amara, la nuova sirena giocabile, perchè è troppo muscolosa e non rappresenta la tipica ragazza/anime che sono state le sirene dei precedenti capitoli (Lilith e Maya);
per quanto io sia contro la forzata introduzione di personaggi femminili nei videogiochi solo per la necessità di averli, credo che a questo giro avere la storia che gira principalmente intorno al cast femminile sia una scelta che funziona bene, ed Amara non è da meno, questo credo sia dovuto all'universo "over the top" di Borderlands 3 ed al non prendersi troppo sul serio.

Tornando al discorso personaggi, al momento ne abbiamo 4: Amara la sirena (appunto), Zane il soldato con l'accento irlandese, Fl4k l'automa cosciente con la sua schiera di cuccioli assassini e Moze la guerrigliera che pilota un mech.
Oltre al classico sistema di personalizzazioni di teste e costumi (che possono essere droppate in giro per il mondo), tutti loro hanno 3 abilità diverse fra cui dovrete scegliere e che potranno essere man mano personalizzate livellando.
Ho iniziato il gioco con Fl4k, poi sono passato a Zane ed ho finito storia e missioni secondarie ed infine ho giocato un po' Moze... devo dire che sono tutti personaggi divertenti da giocare ed ognuno di loro deve affrontare il gioco in maniera estremamente differente.
C'è chi dice che Zane in particolare sia il pg "debole" in endgame, dopo averlo portato al 50 non sono d'accordo, al momento credo che ogni personaggio possa essere competitivo a livello alto, c'è chi (come Fl4k) riesce ad avere build "rotte", però non preoccupatevi che anche Zane quando vuole può far impallidire lo speedrunner più competitivo.

Vi assicuro che sia in singleplayer che in multiplayer il gioco riesce ad essere divertente al punto giusto (se ciò che può dare Borderlands è ciò che state cercando) ed il caos sullo schermo nei combattimenti sarà sempre presente. Nella modalità normale non è mai stato particolarmente difficile e persino ai livelli di difficoltà che sbloccherete in endgame non è tanto una questione di abilità personale quanto più una questione di avere l'equipaggiamento adatto per un determinato combattimento.
Non fraintendetemi però, se i combattimenti con i nemici normali non sono niente di complicato, i boss vi metteranno spesso in situazioni che richiederanno veloci reazioni e l'utilizzo delle vostre skill al momento giusto, non è Dark Souls, però ci sono state un paio di battaglie che, anche a livello normale, ho dovuto ripetere un paio di volte prima di finirle.

Una piccola lode se la merita anche il reparto sonoro, mentre giocherete non farete particolare attenzione alla soundtrack del gioco perchè troppo impegnati a sparare a qualsiasi cosa si muove sullo schermo, ma vi assicuro che se vi prendete del tempo per ascoltarvi la colonna sonora di Borderlands 3 non ve ne pentirete, la mia preferita è quella che ho scelto da mettere in cima alla recensione, ma ce ne sono tante altre di cui non mi ero accorto in game ma che ascoltate in seguito mi sono veramente piaciute.

Graficamente, come detto all'inizio, non apporta moltissime migliorie rispetto a Borderlands 2, è chiaro che un gioco del 2019 rispetto ad uno del 2012 avrà un aspetto migliore, riflessi ed ombre principalmente sono molto migliori rispetto al passato, però l'aspetto del gioco rimane questa grafica cartoonosa che cozza ed allo stesso tempo fa braccetto con alcune scene del gioco.
Vorrei potere giocare con impostazioni grafiche un po' più alte ma al momento le prestazioni del gioco sono una vera e propria roulette, c'è chi riesce a giocare Borderlands 3 con impostazioni alte nonostante le periferiche datate e chi possiede un pc degno della nasa ma continua ad avere cali di frame e noioso stuttering.

Nonostante tutte le critiche per aver scelto l'Epic Store (meritate, visto che parte dei problemi tecnici è data dal pessimo stato dello store) come piattaforma di lancio ed i grossi problemi tecnici iniziali (che stanno, lentamente, venendo risolti) non credo questo gioco si meriti la quantità di recensioni negative di molti utenti che nemmeno lo hanno comprato. Questo gioco non innova niente per il genere, però è proprio questo che volevo da Borderlands 3, l'esperienza del 2 con qualche piccola differenza... forse dal suo ritorno dopo 7 anni alcune persone si aspettavano di più ma io mi posso ritenere soddisfatto, non sarà certo nella lista dei miei giochi dell'anno, ma è comunque un'esperienza videoludica divertente ed intrattiene per il tempo giusto!

Hrhbuff.png

© 2023 by Glorify. Proudly created with Wix.com